ITSM026

8 settembre – Natività della B. V. Maria

La natività di Maria 

Genealogia di Gesù Cristo figlio di Davide, figlio di Abramo. Abramo generò Isacco, Isacco generò Giacobbe… Salmon generò Booz da Racab, Booz generò Obed da Rut, Obed generò Iesse, Iesse generò il re Davide. Davide generò Salomone da quella che era stata la moglie di Uria, Salomone generò Roboamo… Giosia generò Ieconia e i suoi fratelli, al tempo della deportazione in Babilonia. Dopo la deportazione in Babilonia, Ieconia generò Salatièl, Salatièl generò  Zorobabele… Azor generò Sadoc, Sadoc generò Achim, Achim generò Eliùd, Eliùd generò Eleazar, Eleazar generò Mattan, Mattan generò Giacobbe, Giacobbe generò Giuseppe, lo sposo di Maria, dalla quale è nato Gesù, chiamato Cristo. Mt 1,1-16

Oggi è il giorno nel quale viene celebrata la natività di Maria di Nazaret, la Madonna, la madre di Gesù. Maria è la regina della Chiesa, colei che, per sua stessa ammissione durante l’apparizione

di Lourdes a Bernadette, è nata senza peccato originale: «Io sono l’Immacolata Concezione». Verità che è divenuta dogma della Chiesa. A Maria nascente la città di Milano ha dedicato il duomo. Essa è, fin dalla nascita, la promessa sposa dello Spirito Santo, colei che rappresenta tutta l’umanità nel suo matrimonio con Dio. È la donna nella quale si compie la «giustizia biblica» che, da parte di Dio, è la fedeltà alle sue promesse, e per l’umanità è la fedeltà all’Alleanza.

Questa verità assoluta viene descritta mirabilmente dall’invocazione del profeta Isaia: «Stillate, cieli, dall’alto e le nubi facciano piovere la giustizia; si apra la terra e produca la salvezza e germogli insieme la giustizia. Io, il Signore, ho creato tutto questo» (Is 45,8). In questa giustizia divina sono radicate tutte le nostre storie personali che, come ha detto il sacerdote stamattina durante la celebrazione della messa al santuario di Saronno, possono essere anche delle storielle, ma sono benedette dal Signore e fanno parte del grande fiume della storia della salvezza. Sono piccole storie come quelle delle persone che l’odierno brano di Matteo ci elenca, descrivendoci la sorgente e il primo tratto della storia della salvezza che le raccoglie e che, alla foce, si riaprono a delta ed entrano nel grande mare del mistero di Dio. Di questo mistero, che ha dimensioni cosmiche, anche noi con la nostra piccola preghiera del mattino ne celebriamo l’evento, perché ogni famiglia che al mattino si alzi e si metta a pregare, è inserita stabilmente in questa storia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.