ITFL267

XXII settimana del Tempo Ordinario – Giovedì

Andare al largo 

Mentre la folla gli faceva ressa attorno per ascoltare la parola di Dio, Gesù, stando presso il lago di Gennèsaret, vide due barche accostate alla sponda. I pescatori erano scesi e lavavano le reti. Salì in una barca, che era di Simone, e lo pregò di scostarsi un poco da terra. Sedette e insegnava alle folle dalla barca. Quando ebbe finito di parlare, disse a Simone: «Prendi il largo e gettate le vostre reti per la pesca». Simone rispose: «Maestro, abbiamo faticato tutta la notte e non abbiamo preso nulla; ma sulla tua parola getterò le reti». Fecero così e presero una quantità enorme di pesci e le loro reti quasi si rompevano. Allora fecero cenno ai compagni dell’altra barca, che venissero ad aiutarli. Essi vennero e riempirono tutte e due le barche fino a farle quasi affondare. Al vedere questo, Simon Pietro si gettò alle ginocchia di Gesù, dicendo: «Signore, allontànati da me, perché sono un peccatore». Lc 5,1-8

Nella chiamata di Pietro dopo la pesca miracolosa riconosciamo tutti i segni della nostra chiamata e dell’inizio del nostro cammino di fede. L’incontro con il Signore è stato per noi un evento unico, inaspettato, sorprendente e radicale. Il cammino all’inizio è stato oscuro, diverso da tutto ciò che ci era noto e che ci pareva ovvio. Poi, con il passare del tempo, la realtà si è lentamente trasfigurata e abbiamo imparato a leggere in un modo nuovo gli eventi della vita. La nostra, Signore, non è stata l’accettazione intellettuale di una dottrina studiata, e nemmeno l’imitazione del tuo inimitabile modello di vita. Noi abbiamo seguito te, come un turista segue una guida indigena che, nella giungla, gli apre il sentiero con il machete. Ora che siamo anziani e abbiamo ancora dei talenti da trafficare,  ti preghiamo di ascoltare questa nostra preghiera:

Signore, quando, quarant’anni fa, tu sei passato e hai visto una barca sulla riva:       era la NOSTRA.

I due pescatori stanchi e sfiduciati, che levavano le reti senza pesci:                   eravamo NOI Quando hai ammaestrato la folla dalla barca, là ad ascoltarti:                                       c’eravamo NOI.

I due pescatori ai quali hai detto di andare a pescare al largo:                                       eravamo NOI.

le due barche tornate a riva piene di pesci:                                                             erano le NOSTRE.

i due pescatori indegni di tanta provvidenza, in preghiera dinanzi a te,              siamo ancora NOI.

Ora che anche i nostri figli sono usciti a pescare e la nostra barca è                          ancora BUONA,

chiedici, Signore, di riprendere il largo e di tornare, ancora una volta                            a PESCARE.

Non siamo più giovani, ma siamo esperti, possiamo ancora prendere pesci:                 se TU VUOI.

Ci piace il mare e il vento che gonfia le vele, e non siamo stanchi di pescare,               SIGNORE!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.